Libri · recensione

Chi sta male non lo dice di Antonio Dikele Distefano | Recensione

vintage-pink-roses-tumblr-658091

Buon pomeriggio lettori!♥

Buon inizio settimana, spero che abbiate passato un fine settimana meraviglioso. Una nuova recensione giunge sul blog, ho scaricato qualche giorno gratuitamente “Chi sta male non lo dice” di Antonio Dikele Distefano , adoro in modo particolare la copertina! Prima della recensione , vi accenno la trama del libro ˆωˆ.

Sinossi


“Spesso mi sono sentita dire ‘come sei timida’. Mi arrabbiavo e ci rimanevo male, perché vedevo come un insulto il fatto che altri sottolineassero il mio essere insicura. Molte volte mi sono sentita dire dalle mie colleghe e da mio padre ‘devi intervenire di più, devi parlare, devi sorridere’. Mi convincevo che loro riuscivano a parlare con più facilità con le persone perché avevano qualcosa in più di me, ma mi sbagliavo. La timidezza è una forma di protezione verso noi stessi.”
Chi sta male non lo dice è il terzo romanzo di Antonio Dikele Distefano.
Una storia romantica e malinconica raccontata con gli occhi dei due protagonisti Ifem e Yannick.

La recensione


❝Molte volte parliamo del nostro passato dei nostri problemi non per risolverli, ma solo perché abbiamo bisogno di sentirci ascoltati e compresi❞.

La voce narrante è quella di Ifem la protagonista del libro. Il libro  in se si divide in tre parti, nella prima parte conosciamo i sentimenti e pensieri  della storia d’amore nata tra due ragazzi di colore,Yannick con problemi di tossico dipendenza ed Ifem che soffre per la perdita di sua mamma ; nella seconda parte , si ha la possibilità di scoprire la vita passata e i problemi che persistono dei due; infine nella terza parte la scelta importante di Ifem che le cambierà la sua vita. Durante la lettura, le frasi che si scambiano ,sono frasi che ci accomunano continuamente e ogni giorno invadono la nostra vita.

❝Ti guardavo perché non è vero che la felicità siamo noi stessi❞.

Il libro affronta vari problemi giornalieri come: la droga, l’integrazione sociale, culturale e umana, la vita e il senso del dolore , l’amore che va e viene. I personaggi sono coetanei , ragazzi con dei caratteri particolari e chiari , dove di entrambi si ci può  immedesimarsi e ritrovare un noi stesso. Sono forti i temi introdotti nel libro e fanno capire al lettore , la mal integrazioni dei ragazzi , la sensibilità , la dipendenza e la chiarezza di ciò che si vuole  in futuro incerto. L’essere tossicodipendente non porta a essere una persona migliore e l’amore contro la droga non ha rimedi, non resterà altro che rinunciare e ricominciare tutto da capo.

Lo scrittore sottolinea che l’amore è fatto di migliaia di sfumature o meglio è fatto di sacrifici , pazienza , emozioni , delusioni e fiducia ma a volte può sgretolarsi in mille pezzi. Tutto quello che ci circonda può diventare un incubo e quindi bisognerebbe scacciarlo e cercar di andare avanti senza rimpianti.  Ma in realtà è giusto che chi sta male non lo dice ? Tradire è giusto?  Perché si ci leva la vita, quando si fa più complicata ? Cos’è il razzismo? Come si ci sente in un paese sconosciuto ? Come si fa a vivere in un mondo crudele? Non bisogna aggrapparsi a qualcuno per essere felici, viviamo perché ci hanno dato la vita, sorridiamo perché è un modo per non far preoccupare una persona, ci innamoriamo di persone sbagliate o che potrebbero essere quelle giuste ma consapevoli che non ci sarà un lieto fine. Ma la vera domanda cosa sono i sentimenti e la felicità ? rating


tumblr_static_6zmzmfr1234scwoogs8g4soks

Advertisements

21 thoughts on “Chi sta male non lo dice di Antonio Dikele Distefano | Recensione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...